Musica

Il salotto romantico di Clara Schumann Una delle personalità più straordinarie della storia della musica, Clara Wieck Schumann ha vissuto nella Germania dell'Ottocento molte vite parallele: quella di pianista concertista, di compositrice originale, di moglie del grande Robert Schumann, di musa ispiratrice, anche di Johannes Brahms, e infine di madre. MUSARTE 2008 s'inaugura nel segno di questa prova vivente del potere della donna sulla storia della cultura, grazie alla musica nata attorno a questa personalità forte, che ha attraversato la piena stagione romantica. L'interpreteranno tre strumenti - il pianoforte, il violino e il violoncello - che del Romanticismo esprimono l'anima più autentica.

Ritratti Donne: deboli, toste, oppresse, sfruttate, arrabbiate, leggere, donne uomo e donne mamma.
Un percorso al femminile, dedicato alle grandi signore della canzone - da Nina Simone a Billie Holiday a Juliette Grecò - ma anche alle magiche protagoniste che hanno ispirato brani senza tempo, come Miss Celie's blues o l'indimenticabile Reginella della canzone napoletana.

Regine all'opera L'opera romantica italiana ha messo in scena innumerevoli volte il rapporto tormentato tra la donna e il potere. Compositori e librettisti hanno declinato di volta in volta personalità diverse di regine o aspiranti tali, trionfanti o infelici, disperate o coronate di successo, a un passo dal patibolo o in vista del trono. Queste vicende, ambientate a ogni latitudine e virtualmente in tutte le epoche della storia, hanno entusiasmato e tenuto col fiato sospeso le platee di due secoli. Il concerto di canto proposto da MUSARTE 2008 indagherà queste differenze, mostrando come l'opera rossiniana, il melodramma di Bellini e Donizetti e poi quello di Verdi rappresenti volti diversi di questo rapporto donna-potere, incarnando concezioni molto lontane del femminile.

Il femminile tra eroismo e seduzione Anche la musica sinfonica dell'Otto-Novecento ha dedicato ampio spazio al femminile, rappresentando la donna con i colori contrastanti dell'eroismo e della perversione.
Musica sinfonica che prepara o accompagna un evento rappresentativo - l'opera Fidelio di Beethoven, l'Antigone con le musiche di scena di Mendelssohn, il balletto del Macbeth di Verdi - di cui anticipa e simboleggia il carattere.
Oppure musica che riesce a evocare compiutamente un mondo remoto e affascinante, come nell'Hérodiade di Hindemith. Completa la serata l'espressione solistica del Concerto per pianoforte in Sol minore op. 25 di Mendelssohn, ispirato anch'esso a una musa femminile - una donna reale, non appartenente al mito.

Musica solemnis MUSARTE 2008 si chiude nel segno di un gigante del Classicismo viennese, antipandone l'anniversario dell'anno prossimo. Del grande Franz JosephHaydn, amico intimo di Mozart, personalità di riferimento nell'intera Europa del Settecento, profondamente impregnato della civiltà musicale del nostro Paese, verranno eseguiti un importante lavoro sinfonico e una delle ultime grandi messe, dedicatea due distinte imperatrici Maria Teresa d'Austria, donne verso cui la storia della musica ha sicuramente un debito di riconoscenza per l'appassionata attività di promotrici di cultura musicale. Un potere esercitato molto saggiamente, in questo campo, dalle donne che sono state incondizione di farlo.